Partenza in sordina per la Sibe che a fatica supera la Montale dei giovani (78 a 80)

I Dragons troppo imballati per i pesanti carichi, non vedono mai il canestro

Fosse stata una partita di campionato, potremmo dire che la SIBE vista all’esordio in Coppa Toscana, aveva cambiato anima rispetto a quella dello scorso anno. Basta leggere le cifre: solo 20 conclusioni da 3, con un pessimo 20%, contro il doppio di tiri e di percentuale, e la miseria di soli 9 canestri scaturiti da assist (furono quasi il triplo nella scorsa stagione). Ma questo è ancora basket agostano e i Dragons con solo 4 allenamenti, belli tosti, e mai con la palla, hanno fatto vedere a sprazzi il bel gioco dello scorso anno che permise la cavalcata vincente ai ragazzi di coach Pinelli, che a fine gara s’è detto soddisfatto dell’atteggiamento dei suoi, e del bell’approccio dei due nuovi, Goretti e Navicelli, che nei 42 minuti complessivi in campo, hanno dimostrato già la capacità di inserirsi nei giochi che i compagni conoscono ovviamente a memoria. Contro una squadra giovanissima, tutti gli 11 pistoiesi a referto sono millenials che “correvano” molto di più degli ospiti, i lanieri hanno guidato quasi sempre la partita nel punteggio, senza riuscire però mai a dare il colpo del KO, anche per le pessime percentuali dal campo, ma la differenza di stazza fisica ha messo in difficoltà i ragazzi di Della Rosa, che si sono caricati di falli mandando in lunetta ben 40 volte gli avversari. Parlare dei singoli ha poco senso, ma piace sottolineare come Pinna abbia ripreso da dove aveva terminato con l’ennesima doppia cifra (17 punti e 10 rimbalzi), i 10 falli subiti da Fontani e Taiti, e potrebbero essere stati anche il doppio, ma anche gli arbitri ovviamente sono in rodaggio, oltre ai recuperi di Smecca e di Staino e la diligente regia di Danesi oltre al suo percorso nello dalla linea della carità. Per quanto riguarda gli avversari, con l’inserimento dell’ex Dragons Evotti e del giovane Estone Riismaa, aggregato con Pistoia di A1, non c’è dubbio che la Libertas potrebbe essere la mina vagante del prossimo campionato Gold.
Giovedì, per il secondo turno arriverà alle Toscanini, una squadra molto più esperta, quel Quarrata che mise in difficoltà la SIBE nella passata stagione, e ampiamente rinforzatasi nel mercato estivo. Sarà quindi un banco di prova ancora più tosto, ma lo staff pratese non pensa al risultato come appare chiaro dal programma stilato in collaborazione con il preparatore atletico Giacomo Ciofi. Ancora tanti allenamenti fisici, e pochissima tattica, per la quale ci sarà tempo in previsione dell’inizio di campionato che vedrà i Dragons esordire ad Altopascio domenica 29 settembre. La gara con Quarrata è fissata per giovedì 5 alle ore 21 con palla a due alzata da Dori di Pergine Valdarno e Forte di Siena.